Ultim’ora nel mondo delle corse: il pilota torna a correre, tutto svelato

Una storia davvero assurda colpisce il mondo delle corse, con un pilota che è pronto per tornare a correre. Tutti i dettagli.

La stagione motoristica targata 2023 è andata in archivio, e tutti si stanno godendo un periodo di riposo in vista del nuovo anno. Tuttavia, una delle gare più dure del pianeta è già pronta per iniziare, e stiamo ovviamente parlando della Dakar, che si corre sempre nel mese di gennaio e che dà il via al nuovo anno di corse. La sfida è aperta ad auto, moto, camion, quad e quant’altro, ed ogni volta c’è sempre la paura che possa avvenire qualche grave incidente.

Motorsport torna a correre
Motorsport che notizia – Puntogar.it

Infatti, la Dakar è una gara pericolosa dove non ci sarà mai il rischio zero di morte, dal momento che si corre in condizioni estreme, con il costante rischio di perdersi nel deserto e di vivere brutte esperienze. Di certo, un evento mai capitato in passato lo vivremo tra pochi giorni, con un pilota che ha deciso di tornare alla Dakar dopo il dramma di due anni fa.

Motorsport, ecco il pilota che torna a gareggiare

Tra pochi giorni prenderà il via la gara più folle del pianeta, vale a dire la Dakar, che si correrà nuovamente in Arabia Saudita. Al via ci sarà anche Isaac Feliu, un vero e proprio miracolato, che dopo il terrificante incidente che lo aveva visto protagonista proprio in questo raid, ha deciso di sfidare nuovamente la sorte in una nuova avventura nel deserto.

Dakar torna Isaac Feliu
Dakar rider in azione (ANSA) – Puntogar.it

La Dakar scatterà il prossimo 5 di gennaio con il prologo, per poi disputare la gara nelle due settimane successive. Nel 2022, Feliu ebbe un terrifcante incidente in moto durante questa corsa, ed ha deciso, a due anni di distanza, di disputarla nuovamente. L’uomo, oggi 44enne, venne scaraventato dalla sua moto ad alta velocità, sbattendo la testa sulle dune di sabbia. Una botta di questo tipo, ovviamente, non poteva non lasciare delle conseguenze, ed infatti ce ne furono parecchie.

Feliu ebbe un collasso polmonare, un trauma cranico ed anche la frattura della vertebra C7 alla base del collo. Feliu cadde in coma per due settimane, indotto dai medici, per cercare di stabilizzarlo e di farlo reagire nel miglior modo possibile alle cure. La cosa clamorosa, oltre al ritorno in pista che è già una prova di eroismo e coraggio, è ciò che lui stesso ha dichiarato alla vigilia della competizione.

Feliu ha infatti affermato: “Per me sarà una sorta di prima volta alla Dakar, sono tornato per un motivo molto preciso, dal momento che non ricordo di averla corsa. Ci sono foto e video che testimoniano il fatto che io sia stato presente, mi è stato raccontato tante volte. Tuttavia, io non ho alcuna memoria di quella esperienza, è come se ora dovessi esplorare un qualcosa di mai visto. Al momento, sto bene dal punto di vista fisico e posso riprovarci“. Di certo, si tratterà di una prova eroica, e la speranza è che, in questa occasione, tutto fili liscio e che non ci siano nuovi incidenti gravi.

 

Impostazioni privacy