Formula 1, la notizia che nessuno si aspettava: circus nel panico

La Formula 1 è scossa da una notizia clamorosa, un vero e proprio terremoto che complica una situazione già molto complessa.

Mancano poco più di due mesi al via del mondiale di Formula 1 targato 2024, che scatterà il prossimo 2 di marzo in Bahrain. Le squadre stanno ultimando le preparazioni per le nuove monoposto, con i progetti che ormai sono belli che pronti, ma le monoposto devono essere assemblate per arrivare pronte in vista delle presentazioni e dei test invernali, che si terranno a fine febbraio sempre a Sakhir.

Formula 1 dimissioni ufficiali
Formula 1 piloti in azione (ANSA) – Puntogar.it

La speranza è che la Formula 1 ci possa regalare un mondiale più equilibrato rispetto al 2023, nel quale Max Verstappen e la Red Bull hanno vinto praticamente tutte le gare. Nel frattempo, continua il vero e proprio caos che vede protagonista la FIA, la quale ha perso un altro dei suoi uomini più importanti. Andiamo a vedere di chi si tratta di preciso.

Formula 1, c’è l’addio alla FIA di Steve Nielsen

Il momento è molto delicato per il mondo della Formula 1, soprattutto per quello che riguarda i rapporti con la FIA. Come sappiamo, quest’ultimo ente ha fatto scattare un’indagine contro Toto e Susie Wolff, con il team principal della Mercedes accusato di aver avuto informazioni sensibili e di conflitto d’interesse grazie alla posizione della consorte, che è a capo del progetto F1 Academy, vale a dire la serie tutta al femminile che segue il Circus.

F1 addio di Steve Nielsen alla FIA
F1 decisione assurda (ANSA) – Puntogar.it

Tutti i team di Formula 1 si sono schierati a favore della coppia, con la FIA che ha ritirato le accuse e che è uscita distrutta da quanto accaduto. In sostanza, è stato un vero e proprio boomerang per la Federazione Internazionale, che ora deve far fronte anche alle dimissioni del direttore sportivo Steve Nielsen, il quale aveva iniziato a ricoprire questo ruolo solamente lo scorso gennaio.

Secondo quanto riportato dalla “BBC“, Nielsen si è dimesso dopo che la FIA non ha ascoltato i suoi suggerimenti su come migliorare la gestione delle gare, un tema a lui molto vicino visto che si doveva occupare proprio di questo aspetto e di rendere più idoneo ed equilibrato il metro decisionale. Come sappiamo, i giudici di gara cambiano di week-end in week-end, e spesso questo portava a decisioni discordanti nel giro di pochi giorni.

Inoltre, sembra che Nielsen fosse un uomo molto vicino a Stefano Domenicali, e non è da escludere che dietro le sue dimissioni ci sia anche la guerra che si è scatenata tra la FIA e la F1 a seguito dell’indagine sui coniugi Wolff. La situazione, a questo punto, è sempre più tesa, con la Federazione Internazionale che perde un uomo di grande esperienza.

Per chi non lo sapesse, Nielsen è stato un membro importante di tanti team, avendo lavorato per la Tyrrell, la Honda, la Arrows, la Benetton, la Renault e la Lotus. Nel 2017 era stato nominato Sporting Director della F1 da Ross Brawn e dallo stesso Domenicali, e non è ancora stato chiarito quello che sarà il suo prossimo impiego. Presto avremo novità in tal senso.

Impostazioni privacy