Subito batosta per gli italiani: l’ufficialità è pesante, questa non ci voleva

Arrivano pessime notizie per gli automobilisti. Quanto sta accadendo sarà una vera e propria mazzata in questi primi mesi dell’anno. 

Il 2024 sarà un anno potenzialmente complicato per molti italiani. La Legge di Bilancio approvata dal Parlamento proverà ad aiutare il paese ma al tempo stesso metterà anche mano su alcune dinamiche che potrebbero creare non pochi problemi. Il contrasto all’inflazione, il caro vita che aumenta sempre di più, tutte problematiche a cui bisognerà andare incontro.

Batosta per gli italiani
Un colpo che non ci voleva – Puntogar.it

Gli italiani avranno il pesante compito di contrastare tutte queste problematiche anche attraverso dei cambiamenti nel proprio stile di vita. Ci sono alcuni strumenti utili proprio a superare questi problemi. A ridosso del Capodanno, tanto per fare un esempio, in quel di Napoli sono stati tanti gli inviti ad utilizzare i mezzi pubblici (incrementati proprio in occasione del 31 dicembre e 1 gennaio) e lasciare le auto a casa.

Questo sarà il mood al quale la cittadinanza verrà invitata proprio nel corso di tutto l’anno. Un cambiamento di stile di vita, come detto, volto a risparmiare sull’utilizzo dell’auto, andando ad utilizzare i mezzi di trasporto pubblico. C’è chi, ovviamente, non ha intenzioni di lasciare l’auto in garage, soprattutto coloro i quali hanno necessità di utilizzo per i più disparati motivi.

E proprio per gli automobilisti più assidui stanno arrivando delle brutte notizie: il 2024, anche per loro, sarà un anno complicato, soprattuto per quelli che sono abitudinari utilizzatori delle autostrade.

Autostrade, nel 2024 arrivano altri rincari: ecco tutti i dettagli

Sono ben 19 le tratte autostradali italiane che saranno protagonista di alcuni aumenti, fino al 2,3% in più rispetto allo scorso anno. Una notizia che ovviamente non farà piacere agli automobilisti. Un incremento che, chiaramente, non è assolutamente casuale: una dinamica, infatti, legata all’inflazione prevista dalla Nadef.

Auto che paga al Casello, in arrivo brutte notizie
Brutte notizie per gli automobilisti: arrivano dalle autostrade (AnsaFoto) Puntogar.it

C’è da stare attenti: utilizzare le autostrade, se non per necessità, andrà fatto con maggiore parsimonia. Questi aumenti vengono definiti come misura di “salvaguardia” dei concessionari, con efficacia fino al 30 marzo 2024: questo quanto stabilito proprio dal Consigli dei Ministri sulla base di un adeguamento legato all’aumento dell’inflazione. Il tutto per dare tempo alle società autostradali di presentare proposte di aggiornamento dei piani economico-finanziari.

Ma quali sono le tratte coinvolte? ‘Altroconsumo’ ha preso in analisi un monitoraggio molto attento, ed è emerso che tra le tratte in questione, l’aumento maggiore si è avuto sulla Cavenago-Milano Est (+5,3%), che rappresenta tra l’altro uno dei tratti più utilizzati nell’hinterland milanese, soprattutto per quanto riguarda i pendolari. Sempre stando a quanto riportato da ‘Altroconsumo’, su 38 tratte autostradali nazionali, gli aumenti medi si attestato al 2,2% rispetto allo scorso luglio.

Impostazioni privacy