Leclerc primo pilota Ferrari? Finalmente Vasseur ora fa chiarezza

Charles Leclerc e la posizione da primo pilota in Ferrari: un argomento molto dibattuto su cui Vasseur ha voluto fare chiarezza 

Tra il monegasco e Carlos Sainz il rapporto è piuttosto buono ma non sono mancati gli scontri nel corso delle ultime due stagioni. Anche sul tema dei rinnovi contrattuali qualche differenza c’è e questo può essere un problema.

Novità sul futuro di Leclerc
Cambia tutto per Leclerc in Ferrari (PuntoGar – ANSA)

 

Già nel 2021, quando Mattia Binotto lo scelse, i dubbi si erano insinuati a Maranello. Carlos Sainz può essere la spalla giusta per Charles Leclerc? Lo spagnolo era sbarcato in Italia per prendere il posto di Sebastian Vettel, poco avvezzo a diventare il secondo pilota del monegasco. Il problema è che anche l’ex McLaren aveva ambizioni di successo e aveva visto il Cavallino Rampante come la grande occasione.

Questo piccolo misunderstanding ha creato non pochi problemi nelle ultime stagioni, tra strategie contestate e qualche scintilla tra i due. Nell’unica occasione in cui la Ferrari è stata competitiva (2022) è apparso chiaro come fosse Leclerc ha dominare dentro e fuori dal box, anche se questo status di prima guida non gli è stato mai conferito ufficialmente. In molti hanno visto anche la nomina di Frederic Vasseur come una concessione nei suoi confronti, un modo per farlo sentire ancora più a suo agio.

L’ex Team Principal dell’Alfa Romeo conosce Charles da diversi anni ed è il suo più grande alleato a Maranello. Queste premesse potevano far credere ad una strada completamente in discesa, eppure non è così.

Ferrari, pari trattamento tra Leclerc e Sainz: le parole di Frederic Vasseur

Durante il corso dell’ultima stagione, come riportato dal sito caranddriver.com, Vasseur ha sottolineato più volte l’equità di trattamento tra Leclerc e Sainz. Le strategie non sono state volte ad avvantaggiare uno dei due e sino ad Abu Dhabi erano praticamente appaiati in classifica, lottando anche per la supremazia interna del box.

Leclerc e Sainz ai ferri corti
Clamoroso annuncio in casa Ferrari (PuntoGar – ANSA)

 

Penso che Singapore sia stato il miglior esempio, quando Charles ha accettato di partire con le soft per sorpassare e bloccare Russell, avvantaggiando la gara di Sainz“, spiega Vasseur, in riferimento all’unica vittoria della Rossa nel 2023 (anche l’unica non marchiata Red Bull).

Insomma dei buoni propositi che mostrano come alla fine ci sia la volontà di collaborare per far crescere la Scuderia. Sul futuro, però, tutto ciò potrebbe non influire visto che la situazione dei rinnovi di contratto è sostanzialmente diversa. Quello di Charles è già pronto e deve essere solo firmato fino al 2029. Quello del figlio d’arte madrileno è ancora in alto mare.

Impostazioni privacy