Lascia subito la Honda, altro addio eccellente in MotoGP

Le dipartite di Marc Marquez e Alex Rins non rappresentano le uniche note negative per Honda. Out anche un grosso brand che ha fatto la fortuna del team HRC.

Non c’è pace per la Honda nel 2024. Lo scorso campionato è stato chiuso all’ultimo posto della graduatoria, alle spalle anche della Yamaha che ha corso con solo due moto in pista. Gli infortuni di Marc Marquez, Joan Mir e Alex Rins hanno privato la casa di Tokyo degli alfieri di riferimento. Gli ex Suzuki erano arrivati per accrescere il livello ed ovviare alle partenze di Pol Espargaró e Alex Marquez.

Lascia subito la Honda
Honda, un’altra grave perdita (Ansa) puntogar.it

La squadra, nel 2023, non ha fatto i progressi tanto attesi dal campione di Cervera. Stanco di lottare nel midfield, tra continue cadute ed operazioni in ospedale, l’otto volte iridato ha scelto di accettare l’offerta della più piccola delle squadre satelliti della casa di Borgo Panigale, pur di lasciare l’HRC. La proposta, accettata senza troppi dubbi, è giunta dal Team Gresini Racing. Nella scorsa annata la squadra guidata da Nadia Padovani, vedova di Fausto Gresini, ha chiuso nettamente alle spalle di Pramac, Team Factory e Mooney VR46.

Alex Marquez ha alternato buone prestazioni a passaggi a vuoto preoccupanti, mentre Di Giannantonio si è svegliato nell’ultima fase di campionato, guadagnandosi la proposta della squadra di Valentino Rossi. Marc ha scelto di non lasciarsi sfuggire l’occasione, volendo tornare a lottare per un titolo mondiale. La Honda ha deciso di ingaggiare al suo posto Luca Marini, fratello minore del Dottore. Corsi e ricorsi storici ma, senza dubbio, il passo indietro è notevole.

Il rider romagnolo non ha mai vinto un Gran Premio in top class. Inoltre, nella squadra LCR, è stato ingaggiato Johann Zarco al posto di Alex Rins. Anche in questo frangente ci sentiamo di dire che il pilota spagnolo rappresentava una garanzia per il futuro. Più giovane, veloce e anche vittorioso dell’unico GP, in Texas, della scorsa annata della Honda, Rins affiancherà Fabio Quartararo nel Team Factory Yamaha. Il francese, invece, ha vinto un solo GP in carriera in MotoGP e ha già i suoi anni sulle spalle. Potrà essere utile per quanto riguarda lo sviluppo del mezzo, ma il team satellite avrebbe avuto bisogno di un astro nascente alla Acosta.

Honda, un’altra grave perdita

I problemi per la casa di Tokyo non sono finiti qui. Alberto Puig, team manager della HRC, è stato messo sotto torchio per gli scarsi risultati. Si era pensata ad una separazione dopo l’annuncio del passaggio di Marc Marquez in Ducati. Il tecnico spagnolo dovrebbe conservare il suo ruolo, ma è all’ultima chiamata. L’ombra di Brivio si è fatta sempre più incombente. Inoltre, la Red Bull che ha accompagnato la carriera del Cabroncito ha deciso di fare un passo indietro.

Addio eccellente in MotoGP
Batosta per la Honda (Ansa) puntogar.it

L’azienda dell’energy drink austriaco sponsorizza grandi atleti, oltre ad essere presente in F1, nel calcio e in altre discipline sportive. Per la casa di Tokyo si tratta di un vero e proprio guaio sul piano economico. Repsol, invece, è rimasto in qualità di title sponsor nonostante l’addio di Marc Marquez. Quest’ultimo ha deciso di stracciare il suo contratto con Honda con un anno di anticipo. A 31 anni i soldi contano meno di prima, anche perché in sella alla RC213V non avrebbe mai più vinto un Mondiale.

La Ducati potrebbe accogliere l’energy drink? Al momento Monster Energy è al fianco di Yamaha, mentre Red Bull sarà il principale sponsor presente sulle carene delle KTM e delle GasGas, risultando sponsor dell’astro nascente Pedro Acosta.

Impostazioni privacy