La tassa che colpisce le auto “regalate”, purtroppo è tutto vero

Ricevere un’auto in regalo può essere un vantaggio non da poco, ma si deve pagare una tassa quando la si riceve, anche se molti non lo sanno.

L’investimento richiesto per l’acquisto di un’auto è particolarmente ingente, al punto tale che praticamente tutti sono costretti a fare un finanziamento pluriennale, in modo tale da avvertire meno il peso della spesa da sostenere. Anzi, tanti tendono a rimandare fino a quando è possibile sfruttare gli incentivi, che consentono di usufruire di uno sconto da non sottovalutare.

auto in regalo tassa da pagare
E’ davvero un bene ricevere un’auto in regalo? – Foto | Canva – Puntogar.it

Inevitabilmente, non può che essere un grande vantaggio avere la possibilità di ricevere una vettura in regalo, evento comunque piuttosto raro a dire la verità. Chi può usufruire di questa agevolazione è chiamato in realtà a pagare una tassa, anche se molti non ne sono a conoscenza.

Una tassa da pagare sull’auto: ecco quando

Un’auto può essere regalata non solo da parte di un genitore che decide di essere generoso con un figlio, ma in alcuni casi anche quando si partecipa a un quiz. In Italia questo accade raramente (era più frequente tra fine anni ’80 e inizio ’90), mentre all’estero è una consuetudine soprattutto in un programma come “Price is Right “, l’equivalente del nostro “Ok, il prezzo è giusto!”.

Cosa si deve fare una volta che si conclude la puntata in cui è avvenuta la vincita? Come riporta App.com, non è possibile andare dallo studio a casa guidando quella vettura. Tutti i vincitori, infatti, vengono informati dalla redazione della lettera della contabilità che riceveranno poco dopo, in cui sarà spiegato loro a quanto ammonta la tassa da pagare.

auto in regalo tassa da pagare
In seguito al regalo si deve mettere mano al portafoglio – Foto | Canva – Puntogar.it

Una volta versata la cifra, saranno gli autori del programma a prendere contatto con un concessionario dove sarà possibile poi ritirare il premio da parte di chi se l’è aggiudicato.

Tutti devono quindi sapere come questa procedura riguardi tutti i premi messi in palio in Tv. Il valore di questi diventa parte del reddito imponibile annuale della persona, può esserci quindi il rischio di passare a una fascia più elevata rispetto a quanto accaduto fino a quel momento. Non a caso, c’è chi arriva addirittura a rifiutare per evitare di dover sostenere gli oneri dovuti.

Sono meglio i contanti?

Consapevoli quindi della necessità di dover versare una tassa salata quando si riceve un’auto sotto forma di premio, in grado anche di complicare gli anni a venire da parte del vincitore, i dubbi non possono che nascere. A volte, infatti, si ritiene di non avere così bisogno di una vettura, per questo c’è chi preferisce restare a bocca asciutta (anche se la produzione del programma raramente lo rivela).

Rinunciare a priori al premio è possibile, ma c’è un’alternativa che si può prendere in considerazione e che può rivelarsi ideale.

Si può infatti scegliere di convertire il valore del mezzo con i contanti, in modo tale da poterli spendere come si preferisce. In alternativa, c’è chi decide di acquistare un’auto nuova meno costosa o un modello usato. In alternativa, si possono pagare le tasse e partire per una vacanza meno costosa. Insomma, è bene valutare con cognizione i pro e i contro in modo tale da non doversene pentire successivamente.

Impostazioni privacy