Incredibile rivelazione su Michael Schumacher: i fan restano senza fiato

Michael Schumacher è ancora alle prese con il terribile incidente di 10 anni fa e nel frattempo esce una clamorosa rivelazione sul suo conto

Il sette volte campione del mondo deve fare i conti con un presente molto diverso rispetto ai tempi in cui correva in Formula 1. Ciò non toglie l’affetto straordinario della sua famiglia e di tutti i tifosi, che non possono dimenticare le formidabili imprese in pista.

Clamorosa rivelazione su Michael Schumacher
Un retroscena che nessuno si aspettava su Michael Schumacher (PuntoGar – ANSA)

 

Quanto è sbarcato in Italia, nel 1996, Michael Schumacher non era il campione simpatico e ammirato da tutti come oggi. Con quell’aria da burbero e con la fama di quello disposto a tutto pur di vincere, si era fatto una nomea piuttosto scorbutica che per diversi anni lo ha perseguitato. Introverso e con poca voglia di comunicare con i media, era il classico campione poco avvezzo ai sorrisi.

Inevitabilmente il decennio trascorso a Maranello lo ha cambiato, non solo in termini di successi ottenuti, ma anche come immagine a tutto tondo. Abbiamo imparato a conoscere uno Schumi diverso, più alla mano, ugualmente determinato ma più sereno.

I duelli in pista con i suoi avversari sono rimasti comunque duri e carichi di pathos, come sempre. Ne sanno qualcosa Villeneuve e Frentzen in Williams o Hakkinen e Coulthard in McLaren, fino ad arrivare al giovane Fernando Alonso con la Benetton Renault.

Michael Schumacher, un carattere duro e spietato: la versione di David Coulthard

Proprio il racconto fatto da David Coulthard nel corso del recente documentario ‘Being Michael’ (realizzato per i 10 anni dall’incidente di Meribel) ha chiarito alcuni particolari nascosti. Un carattere difficile da accettare per gli altri piloti ma che probabilmente è stato alla base dei suoi successi.

I grandi duelli Schumacher Coulthard
Un retroscena clamoroso su Michael Schumacher (PuntoGar – ANSA)

 

“Michael sapeva essere molto spietato, freddo e distante. Sapeva arrivare vicino al limite più di chiunque altro”.

Un comportamento simile a quanto avviene oggi con Verstappen, dove i compagni di squadra raccolgono solo le briciole (chiedere a Perez o a Barrichello).

Coulthard ha anche ricordato l’episodio di Spa 1998, quando durante il Gran Premio del Belgio finì per essere tamponato sotto la pioggia da Schumi, innescando un parapiglia che nei box finì quasi in rissa. Il carattere aggressivo del Kaiser venne fuori anche in quell’occasione e non piacque allo scozzese che ha ribadito come si trattò “solo di un incidente di gara”. 

Tuttavia nemmeno lui ha potuto negare come questa fame di essere sempre il migliore abbia contribuito a rendere Schumacher probabilmente un punto di riferimento ineguagliabile.

Impostazioni privacy