F1 2024, non sarà un monologo Red Bull? Un avversario fa sognare i tifosi

Il campionato 2024 si preannuncia, sulla carta, come un rewind della stagione scorsa. La Red Bull Racing partirà da favorita, ma i rivali stanno affilando le armi.

L’annata 2023 di Formula 1 verrà ricordata per i record di Max Verstappen e il singolo successo della Ferrari targato Carlos Sainz a Singapore. Lo spagnolo, infatti, ha sfruttato l’unica chance che ha avuto, conquistando un successo insperato. Ad un certo punto anche i rivali di Mercedes e Ferrari hanno iniziato a temere che la Red Bull Racing potesse fare un incredibile filotto di successi.

F1 2024, non sarà un monologo Red Bull?
L’imbattibile RB19 (Ansa) puntogar.it

Il drink team ha trovato in Max Verstappen il suo alfiere imbattibile. L’olandese è cresciuto tantissimo rispetto ai primi anni nell’abitacolo delle vetture di Milton Keynes. Non commette più errori di foga ed è diventato micidiale nei corpi a corpi. Probabilmente vincerebbe GP a ripetizione anche su vettura meno performanti, ma i tecnici capitanati dal geniale progettista Adrian Newey, gli hanno dato in dote una wing car spettacolare.

La RB19 ha conquistato 21 gare su 22, di cui 19 le ha portate a casa il figlio d’arte di Jos. Nessuno nella storia della F1 era riuscito a vincere 10 tappe di fila. Max ha superato anche il record ottenuto da Sebastian Vettel nel 2013. Il tedesco si era fermato a 9. Nella classifica all time di vittorie, il tre volte iridato di Hasselt ha scavalcato, nel 2023, Prost e Vettel, salendo a quota 54 vittorie. Max ora ha nel mirino Michael Schumacher e Lewis Hamilton. Con calendari così lunghi, ogni primato potrebbe risultare alla portata.

Sulla base di concetti aerodinamici simili non si capisce come e perché la Red Bull Racing dovrebbe fare dei passi indietro. A Milton Keynes sanno come andare a migliorare quei minimi dettagli tecnici per rendere l’erede della RB19 ancora più veloce. Il drink team non ha difetti, se non per una seconda guida che non riesce ad essere costante e al passo del numero 1. Per Sergio Perez potrebbe essere l’ultimo anno nella squadra anglo-austriaca. Sainz potrebbe essere a livello di Max? L’esperto si è sbilanciato.

Red Bull Racing, gli avversari si fanno sotto

La speranza dei fan è assistere ad un campionato piuttosto competitivo. La noia è regnata sovrana nella passata stagione e non c’è cosa peggiore di sapere già al venerdì il risultato della domenica. E’ giusto che in F1 vinca il migliore, ma è pur vero che il migliore deve essere detronizzato per assistere ad una battaglia degna di nota. I più giovani hanno dimenticato il significato di una stagione competitiva tra più costruttori. Nel 2021 almeno ci fu battaglia tra Mercedes e Red Bull Racing.

Red Bull protagonista nel 2023
Red Bull Racing, gli avversari si fanno sotto (Ansa) puntogar.it

La squadra teutonica ha perso lo smalto con il passaggio alle wing car. Il progetto del 2022 senza pance si è rivelato essere un clamoroso fallimento. L’auto era afflitta dai problemi di saltellamenti ad alte velocità, cosiddetto effetto porpoising. Quantomeno George Russell era riuscito a vincere in Brasile. Nel 2023 la Stella a tre punte, pur concludendo al secondo posto della graduatoria costruttori per 3 punti in più della Ferrari, non ha vinto nemmeno una corsa.

Lewis Hamilton, autore di 103 sigilli in F1, è al palo da due anni. In tanti hanno parlato di caduta del Re nero, ma senza un’auto competitiva non potrà mettere i bastoni tra le ruote a Verstappen. L’anglocaraibico ha compiuto 39 anni, mentre Verstappen ne ha soli 26. A Brackley, sede del team F1 della Mercedes, sono convinti che nel 2024 la musica cambierà.

Fresco di rinnovo, il tecnico James Allison, in una intervista rilasciata ai colleghi di Motorsport.com ha annunciato dei passi in avanti. “Speriamo di aver fatto un ottimo lavoro con la nuova monoposto e di aver risolto i guai della scorsa stagione. La Red Bull è stata dominante, ma si vede come le prestazioni tendano a convergere“, ha affermato l’inglese della Mercedes. Vedremo se ci sarà, effettivamente, sfida.

Impostazioni privacy