Dacia Duster, scelta fatta: con queste due ora ci sono davvero tutte

La Dacia Duster in versione 2024 è realtà, e c’è anche una grande novità per i clienti. Ecco tutti i dettagli utili.

Dopo una lunga attesa, è stata finalmente svelata al mondo la nuova Dacia Duster, che presto arriverà nelle concessionarie nella sua versione 2024. Si tratta della terza generazione di questo SUV economico, che punta ad ottenere ancora dei risultati di rilievo, in un momento in cui i crossover vanno a ruba, anche se a prezzi così bassi, e questo lo sappiamo bene, non se ne trovano.

Dacia che novità
Dacia nuovo gioiello – Puntogar.it

La Dacia sta per concludere al meglio un anno che è stato a dir poco trionfale, con successi dal punto di vista delle vendite che sono stati continui. L’Italia è uno dei paesi in cui le cose vanno per il meglio, con la Sandero che è ormai vicinissima al titolo di auto più venduta in Europa, dopo una battaglia intensa con la Tesla Model Y. Andiamo a scoprire la grande novità sulla nuova Duster.

Dacia, c’è anche l’ibrido per la nuova Duster

La terza generazione della Dacia Duster che è stata da poco svelata ha finalmente portato al debutto ciò che tutti aspettavano da tempo. Infatti, il SUV economico per eccellenza è anche ibrido, come confermato anche da alcune immagini pubblicate dalla casa rumena, con la targhetta con su scritto Hybrid posta in vari lati della vettura.

Dacia Duster ora anche ibrida
Dacia Duster in mostra (Dacia) – Puntogar.it

Per essere precisi, avrete ben due scelte dal punto di vista dell’ibrido. La Duster vi mette a disposizione sia il Mild Hybrid da 48 V che il Full Hybrid, due aspetti ben differenti tra di loro. Infatti, il primo è un ibrido molto leggero che costa poco, mentre il secondo ha un prezzo maggiore, ma vi darà una grande mano per ciò che riguarda il contenimento dei consumi e delle emissioni, aspetti che al giorno d’oggi vi potrebbero essere molto utili.

La nuova Dacia Duster vi mette a disposizione la configurazione Hybrid 140, che è una soluzione Full Hybrid, ovviamente frutto del lavoro del gruppo Renault che da tantissimo tempo è duramente a lavoro sull’elettrico. Il motore di base è un benzina 1,6 litri da 94 cavalli con due motori elettrici abbinati, uno da 49 cavalli che è quello principale, ed un altro che invece funge da starter e generatore, utile in fase di accensione e nel primo scatto.

Il sistema è poi abbinato ad un cambio automatico elettrificato privo della frizione, con 4 rapporti per il motore a combustione interna e 2 per quello elettrico. La batteria della Dacia Duster si ricarica grazie alla frenata rigenerativa, e vi permetterà di viaggiare per l’80% del tempo in città con il solo motore elettrico acceso, riducendo i consumi del 40% rispetto al termico.

Inoltre, come detto in precedenza, potrete optare anche per il TCe 130 con tecnologia Mild Hybrid. Il motore a benzina turbo da 1,2 litri da 130 cavalli lavora con un sistema Mild Hybrid da 48 V, che supporta il termico in fase di accensione, accelerazione ed anche quando si va a recuperare l’energia. Sicuramente è una tecnologia meno evoluta, ma è comunque un primo passo verso una mobilità più sostenibile.

Impostazioni privacy